La vita cambia, si sa, continuamente, non necessariamente in modo radicale, ma è comunque in continua evoluzione.
Quando non si tratta di cambiamenti negativi, naturalmente, a me non dispiace affatto affrontare quelle che diventano sfide da affrontare per poter aggiustare il tiro.
Sono cose che rendono interessante la vita, almeno per me che tendo ad annoiarmi facilmente.

Chiaccherata creativa 1- Lisanna Trovo che sia sempre estremamente interessante scoprire come le altre persone affrontano i piccoli grandi problemi organizzativi di ogni giorno e sicuramente, situazioni specifiche quali quelle di tempi e spazi creativi, possono essere particolarmente difficili da organizzare, anche solo per la minore quantità di informazioni e spunti che si possono trovare in rete e non solo.
Come ottimizzare il tempo per creare Ottimizzare il tempo per creare è davvero importante, soprattutto se non ne hai tanto. La sindrome da foglio bianco è nota ad ogni creativo, qualunque sia la forma espressiva - momentaneamente non - in atto. Quando la creatività non è più così spontanea, quando ci sono di mezzo scadenze o commissioni, può diventare frustrante fare qualcosa che in realtà adoriamo fare, soprattutto se incappiamo in una giornata no. Come rimediare?
Giornata produttiva tipo Se hai un’attività che ti fa passare molto tempo a casa, o se svolgi il tuo lavoro autonomamente, senza orari d’ufficio, sai bene che il rischio è quello di sopravvalutare la quantità di tempo a disposizione o di cercare di fare troppe cose insieme, col risultato che probabilmente non ne farai neanche la metà. Per non parlare del rischio di non riuscire a definire bene il tempo da dedicare al lavoro e quello invece da dedicare alla vita personale. Ecco le abitudini consolidate che funzionano per me, sono tutte molto semplici e probabilmente le già sentite, ma questo è quello che mi sento di consigliarti:
regia e il senso dell'organizzazione A volte può sembrare troppo impegnativo organizzarsi, prendersi il tempo per la lista della spesa e il menù settimanale, fare il punto per il mese a venire; la tentazione di lasciar perdere e rimandare, o vivere alla giornata è forte. Ma poi non paga. Prima o poi può succedere che una sera torni a casa più tardi del previsto e non hai neanche una vaga idea di quello che hai in frigo o in dispensa, o arrivi perennemente in ritardo al mattino perché ogni volta decidi sul momento cosa indossare e magari ti ritrovi a stirare la maglietta mentre contemporaneamente ti lavi i denti e ti infili le scarpe... e il livello di stress diventa alto.
Post cosa faccio nei 5 minuti di pausa Come già detto più volte anche da me, questo è un periodo hot per quanto riguarda la pianificazione e l’elaborazione di progetti, impegni per il nuovo anno, ecc. Il ritmo intenso di questo periodo mi ha portato a riflettere ancora una volta su quanto siano importanti le pause, senza le quali si rischia infatti di mandare il cervello in ebollizione, soprattutto se l’attività che fai ti porta a stare davanti a un pc, o a dei libri, o a entrambi.