La prova del nove per il tuo spazio

La prova del nove

Mi vengono in mente i momenti in cui le avevo proprio provate tutte, per migliorare.
Lavoravo come una matta dalla mattina alla sera e non ero mai in tempo. Mai, davvero. Avevo rinunciato alla pausa pranzo lunga, poi al parrucchiere, poi al cappuccino al bar la mattina. Eppure, per quanto mi sforzassi, non riuscivo mai a portare a termine tutti i lavori della giornata
Avrei dovuto prenderne meno, forse. Ma meno lavori avrebbe significato meno entrate, nella mia testa.
Quindi mi ero convinta che l’organizzazione ‘a cottimo’ fosse quella indispensabile e stavo per giungere alla conclusione che non ero fatta per quel lavoro, per quel mondo. 

Ed ecco che si accende una lampadina. E se provassi a mettere alla prova l’organizzazione del mio spazio? 
Le avevo provate tutte, una in più non avrebbe fatto chissà quale danno. 

Mi sono organizzata al meglio, simulando di essere stata colta da un blackout improvviso in piena attività: ho spento tutte le luci e mi sono messa in postazione (ho anche sbattuto un ginocchio, ma fa niente). A quel punto ho provato a prendere gli oggetti che utilizzavo, ed ecco la sorpresa: le cose più utili non erano a portata di mano. Ho dovuto alzarmi e avanzare a tentoni per prenderle. Ho cominciato a scavare nella mente per ricordarmi dove cavolo avessi messo tutto quello che mi serviva, e quando mi veniva in mente dovevo fare un percorso a ostacoli, sbattendo in ogni spigolo.
Una falena impazzita, hai presente?

Ho capito il problema: non avevo organizzato gli spazi in modo da ottimizzare i tempi

Risolto il problema, ho iniziato a finire i lavori in tempo. E ad andare dal parrucchiere, a bere il cappuccino al bar, a fare la pausa pranzo lunga. 

Che detto così sembra banale, ma se non ci hai pensato non sei sbagliato tu: sei un creativo. E sin da piccoli ci hanno detto che i creativi non hanno un metodo. E noi ci abbiamo creduto, mannaggia. 

Se anche tu hai un metodo che funziona alla grande me lo racconti?

Se non ce l’hai te lo racconto io: qui, sul sito o su Instagram.

 

Photo by Roman Mager on Unsplash

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.