Io amo il cinema. Una delle cose che preferisco fare è guardare film, soprattutto i film classici. Se anni fa collezionavo vhs, adesso colleziono dvd. Ci sono sicuramente alternative non fisiche per coltivare questa passione, Netflix e le altre streaming tv per dirne una; ma da queste parti vanno ancora per la maggiore i dvd e considerando che la nostra collezione tende a crescere a vista d'occhio, qualche tempo fa ci siamo posti il problema di organizzarla (smettere di comprare film non è neanche stato preso in considerazione :-D ). Ecco quindi cosa ho fatto.
Organizzazione borsa La mia borsa, o meglio, le tre borse che alterno ultimamente, sono organizzate con il sistema dei citati "sottocontenitori" . Sono tutte abbastanza grandi e questo è uno dei motivi per cui l'organizer multitasche non fa per me, perchè per recuperarlo dovrei entare nella borsa fino al gomito, e non mi sembra pratico. Quello che mi piace di questo sistema, è la sua versatilità: si può variare il numero e la dimensione dei vari astucci e beauty a seconda delle esigenze, e in caso di particolare sciccheria, si possono coordinare anche con stile e colore della borsa.
  La vita moderna è piena di insidie, il mondo è una giungla, riprendere la routine quotidiana può mettere l’essere umano a dura prova... A cosa appellarsi quindi? Alla propria borsa :-) ! Di qualunque forma o dimensione sia, una borsa ti salva la vita, o meglio...può risolvere o prevenire tanti dei piccoli problemi in cui ci si può imbattere nella vita di tutti i giorni. Perchè c'è un po' di MacGyver in tutti noi :-D . Nella borsa quindi può trovare rifugio un equipaggiamento strategico per tutte le eventualità, ma senza un po’ di organizzazione, si rischia di trascinarsi in giro un pesante fardello in cui si accumula di tutto, tranne quello che serve. Come evitarlo:
  Finalmente riesco a riprendere in mano il sito. E’ stata un’estate frenetica e, purtroppo, non in senso positivo. Alcune cose sono passate, altre sono ancora in ballo, tanto stress, tanti pensieri... Una delle ancore di salvezza, in questo periodo burrascoso è stata l’organizzazione: i pasti pianificati e preparati in anticipo, la gestione degli impegni, la divisione dei compiti...sono tutte cose che ci hanno permesso di non andare completamente per aria negli ultimi due mesi.
Estate. Per noi quest’anno si prospetta tranquilla, serena, con ampi tempo e spazio per dedicarci a un po’ di cose rimaste in sospeso; l’anno (inteso in senso scolastico) appena passato è stato ricco di novità, impegni e imprevisti, e finalmente abbiamo l’occasione di fermarci, tirare le somme e vedere cosa cambiare. Perché funziona così. Nella vita di tutti cambiano cose piccole e grandi, cose che rendono necessario modificare spazi e routine, e quindi diventa importante fermarsi, osservare e cambiare qualcosa, sperimentando un nuovo metodo o una nuova soluzione.
Una volta che il meal planning è impostato, bisogna naturalmente procedere con gli acquisti. Sia che si faccia on line o in modo tradizionale (supermercato, negozi o mercato), la cosa migliore quando si fa la spesa è procedere lista alla mano. Io ne tengo a disposizione una preimpostata in modo da segnare le cose di volta in volta, soprattutto quelle non alimentari che tendo a dimenticare facilmente, poi, meal planning alla mano, procedo tenendo presente:
Prima di affrontare tutti gli aspetti e gli elementi di uno spazio creativo, ci sono alcune semplici dritte che mi sento di raccomandare come fondamentali per cominciare a prendere (o riprendere) il controllo; cose che si possono cominciare a fare subito, in modo che diventino buone abitudini.
La pianificazione dei pasti è mobile, qual piuma al vento : la stagione, gli impegni, gli orari, eventuali diete, ecc., implicano che questo strumento sia flessibile ma, come già detto, la flessibilità non fa paura al bullet journal :-) . Le possibilità sono infinite, sia dal punto di vista stilistico che strutturale: c'è chi usa i post-it, chi fa una tabella per ogni settimana, chi pianifica anche le colazioni, e via dicendo.
Come accennato nel post di introduzione, per iniziare a familiarizzare con il bullet journal bastano davvero poche cose: un quaderno e una penna. Io mi sono procurata un (bellissimo :-D ) quaderno Pantone, col quadretto 5 mm e ho realizzato un piccolo passo-passo per illustrare l'impostazione base.