La mia prima cliente sono io

organizzazione postazione lavoro

La mia prima cliente sono io.

Lo sono stata negli anni in cui ho imparato a organizzarmi e lo sono ogni volta che rimetto mano alla routine quotidiana, quando rivoluziono o semplicemente modifico uno spazio di casa che non è più funzionale, quando inizio un nuovo progetto.

Cosa c’entra questo discorso con i servizi?
C’entra perché proprio in queste settimane ho rivoluzionato il mio spazio ufficio/scrap e quindi ecco che sono stata la mia cliente per la categoria 

Adoro organizzare le postazioni di lavoro, troppe volte ho visto scrivanie e uffici non funzionali e addirittura respingenti, e trasformarle è sempre una sfida molto avvincente!
Nella mia vita lavorativa pre-professional organizer, ho addirittura sperimentato una postazione di lavoro che, pur avendo io un ruolo di responsabilità in un contesto in cui la parola d’ordine era discrezione, era in multiproprietà, in più era poco spaziosa, scomoda e completamente esposta; n
on scherzo quando dico che é stata una vera e propria sofferenza.
Una scrivania funzionale e organizzata è importantissima!

Nel caso invece del lavoro svolto a casa, spesso la postazione viene sottovalutata con conseguenze negative sulla qualità del lavoro svolto; una cosa che mi appassiona è quindi individuare soluzioni per spazi di lavoro home working in quanto uno spazio, anche se piccolo e magari mobile, quando è organizzato per il lavoro permette una maggiore produttività, serenità e concentrazione!
Definire uno spazio preciso ed efficiente per il lavoro a casa scongiura la sensazone pigiama e, in caso di abitazione con familiari o coinquilini, evidenzia anche agli altri che si sta lavorando.

Cosa è importante capire quando si studia una postazione di lavoro:

Cosa devi fare esattamente e quindi, di quanto spazio hai bisogno.
Io ad esempio, per il rinnovo della mia zona home working, ho fatto un decluttering intensivo di materiale creativo: è cambiato il mio gusto, è cambiato il rapporto con i miei hobby e lo spazio di prima non si adattava più a me.
Eliminando materiale e attrezzi che non utilizzavo più, ho potuto eliminare alcune soluzioni di storage per dare la priorità a una scrivania più grande sistemata in una posizione più comoda.

La posizione conta!
La mia scrivania prima era davanti alla finestra, proprio in coincidenza; se da un lato era bellissimo per la quantità di luce naturale, lo era meno per il caldo asfissiante e la luce sparata negli occhi durante i mesi estivi.
Inoltre, dovendo passare molto più tempo di prima a pianificare mi è mancato trerribilmente un vero e proprio spazio a parete per la bacheca, calendario ecc. Nella nuova organizzazione dello spazio
 ho tenuto presente entrambi gli aspetti.

Datti tempo per valutare i dettagli.
Prima di definire ogni cosa, prenditi del tempo per testare la postazione: prova a lavorare per qualche giorno e valuta di conseguenza se e dove aggiungere una mensola, dove vuoi posizionare la bacheca/lavagna, ecc.

Scegli quello che serve e piace a te.
Vale come sempre per ogni progetto, ma è importante che la postazione di lavoro sia funzionale e ispirazionale per te.

Rendere il tuo ufficio un luogo pratico ma anche motivante ti sembra un’impresa impossibile?
Non vedi proprio dove potresti ricavare un angolo ufficio in casa?

A breve tutti i dettagli anche su questi servizi ! 😀

 

Autore: Silvia Trinca

Mi chiamo Silvia, e sono una Professional Organizer appassionata di tempi e spazi creativi :-D .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.