Emergenza lavori in casa? Alcuni consigli per affrontare la situazione al meglio!

 

A casa dei miei è finalmente è partito un intervento di ristrutturazione, nello specifico della cucina, che per un motivo o per l’altro, non si riusciva a far partire.
Solitamente in questi casi, quella di “finalmente” è una sensazione che svanisce di colpo, nel momento in cui viene data la prima martellata o viene tolta l’acqua;
 il momento cioè in cui il mondo interiore e non solo, comincia a sgretolarsi fino a indurre livelli di stress così alti da diventare insostenibili.
Quello che ho consigliato quindi a mia mamma è di ripetere un mantra, una formula che possa aiutarla a ritrovare un certo controllo.
In questo caso il mantra ideale è:

A volte le cose devono prima andare peggio per poter poi migliorare.
(Sometimes things have to get worse before they get better.  Marylin Ferguson)

Perché condivido questo episodio di vita familiare? Perché questo mantra, o in generale questo atteggiamento, lo consiglio anche durante ogni processo di organizzazione.
Altrimenti si può venire sopraffatti dagli oggetti, dalle cose da fare, dalle decisioni da prenderere e reagire come l’Agatha, la felina dei miei da me ritratta nell’immagine del post, che sparisce per ore infognandosi e rimanendo individuabile solo grazie alle orecchie. Cosa che i miei non possono permettersi di fare 😀 .

Ci sono inoltre alcune cose pratiche e concrete che possono aiutare ad affrontare un momento di caos domestico come questo, anche con un preavviso quasi inesistente:

  • fare scorta di acqua in bottiglia;
  • utilizzare piatti e posate usa e getta, in modo da ridurre al minimo il lavaggio piatti (sono ormai facilmente reperibili piatti e stoviglie biodegradabili, quindi nessun impatto sulle risorse ambientali!);
  • cucinare in anticipo piatti da scaldare al microonde per non dover sempre vivere di panini;
  • in caso di coffee o tea addiction, fare affidamento su una macchina del caffè o in alternativa su una french press, in modo da sopravvivere anche se la cucina a gas è scollegata.

Ogni occasione di trasformazione di un ambiente costituisce inoltre un’opportunità di rimettere in discussione le proprie abitudini: non è detto che quello che si è sempre fatto lo si debba fare ancora allo stesso modo.
Focalizzare la mente sulla possibilità di cambiare e migliorare la propria quotidianità, aiuterà a superare meglio il periodo di delirio.

Queste sono i problemi/soluzioni emersi al volo in questa situazione; naturalmente appena il grosso dei lavori sarà fatto, correrò in soccorso dei miei per continuare il processo di decluttering e organizzazione e che al momento è rimandato! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *