Melancolia da cambio dell’armadio – checklist da stampare

Finalmente la primavera è arrivata, e ne sono molto contenta, come immagino anche tu.
Sarà però un po’ di stanchezza accumulata, qualche decisione da prendere, qualche revisione da fare… sta di fatto che in questi giorni sto rallentando. Sto cercando di riprendere i contatti con alcuni aspetti di me che ho un po’ trascurato, prima di buttarmi nell’euforia del rinnovamento primaverile.

Quindi sì, alcuni accessori e homedecor più colorati e allegri sono saltati fuori dalle scatole così come magliette e altri indumenti più leggeri e adatti al clima attuale, ma allo stesso tempo fioccano attività e riflessioni su

Sabato, insieme al consorte, sono andata a vedere la mostra su Dürer e il Rinascimento a Palazzo Reale e trovarmi davanti alcune delle opere che ho copiato e copiato e ricopiato durante gli anni della mia formazione artistica (il dettaglio delle mani de il Cristo dodicenne tra i dottori, per dirne una), ha messo in moto un mescolio di emozioni e riflessioni profonde, oltre alla contemplazione pura e semplice del bello.

Ma tornando al tema di questo post, una delle cose che ho fatto, fra un momento degno della Melancholia I, e l’altro è stato l’imprescindibile cambio dell’armadio.
Non è stata un’operazione particolarmente faticosa o lunga, il sistema che adoperiamo è semplice e funziona senza intoppi;
inoltre, da queste parti, nessuno è fashion addicted per cui non abbiamo quantità esagerate di vestiti. Ciò non toglie che io abbia dovuto stirare per tre ore filate per rendere appendibili nell’armadio diversi indumenti primaverili e che ci siano alcune cose da fare, come portare alcuni capi in lavanderia e aggiustarne altri.

Già che portavo avanti queste operazioni per il nostro guardaroba mi sono detta: cià che facciamo una versione carina di questa checklist, che magari può fare comodo anche ad altri!
e quindi ecco qui sotto il pdf che puoi stampare:  🙂

Checklist cambio dell'armadio - pdf da stampare

(clicca sull’immagine per scaricare la checklist in versione pdf).

La checklist si divide in:

stagione che metti via

  • capi da lavare – ad esempio tutte le giacche che resistono benissimo alla lavatrice, o invece i capi delicati come alcuni maglioni.
  • capi da aggiustare – orli, piccole riparazioni, ecc.
  • tintoria – tutti gli indumenti che non puoi lavare a casa

stagione che tiri fuori

  • stirare – gli indumenti che portano i segni dei mesi trascorsi nelle scatole.
  • eliminare – tutti quei capi che non ti vanno più, non ti piacciono più, ecc.
  • shopping – tutti gli indumenti che non puoi lavare a casa

 

Capita anche a te di indulgere in riflessioni e revisioni in questi momenti di transizione come i cambi di stagione?

Ma soprattutto hai già fatto il cambio dell’armadio? 😀

 

Metodo Bullet Journal per gli irriducibili dell’agenda

metodo bullet journal per gli irriducibili dell'agenda

Il Bullet Journal non solo è pratico è versatile, è anche simpatico e socievole 🙂 , infatti non ha nessun problema a convivere e collaborare con altri sistemi o strumenti organizzativi come ad esempio la classica agenda giornaliera.

Questo tipo di cooperazione fra strumenti è la soluzione che ho consigliato a mia mamma, affezionatissima all’agenda classica (quella che una volta regalava la banca), che però alla fine dell’anno finisce sempre per presentarsi come da foto.
Ebbene sì, quella in foto non è una smemoranda riempita oltre al limite da biglietti del cinema, carte di cicche e qualunque altra cosa ci mettessimo negli anni -anta, ma una normalissima agenda usata nel quotidiano.

L’agenda di mia mamma raggiunge questo volume in quanto funziona da raccoglitore per:
– scontrini spesa;
– ricevute bollettini e pagamenti vari;
– biglietti con annotazioni ;
– biglietti da visita.

Oltre all’eccessivo riempimento, il problema causato da questo tipo di utilizzo intensivo è la difficoltà di consultazione delle annotazioni che si perdono e si confondono in mezzo a tutto il resto, con la conseguente frustrazione che si prova nel cercarle.
Per non parlare del fatto che, essendoci annotati info ed eventi che possono servire per anni, alla fine ognuna di queste agende viene conservata per molto, molto tempo, andando ad ingrossare le fila del clutter.

Naturalmente è da diverso tempo che provo a proporre a mia mamma il metodo bullet journal, ma la sua espressione cortesemente perplessa, tutte le volte era già una risposta 😀  !
Dopo pensa che ti ripensa e ragionamenti fatti insieme, le ho quindi proposto una soluzione che si è dimostrata vincente:

  • mantenimento dell’agenda giornaliera per registrazione di eventi, ricorrenze e appuntamenti
                                                          +
  • bullet journal per tutto il resto.
    Un bullet journal speciale, ovvero solo per collection e tracker e che vale quindi come riferimento per diversi anni.
  • Risultato:
    agenda più libera e felice
  • meno clutter
  • più velocità e facilità di consultazione di informazioni e annotazioni.

La mametta è molto soddisfatta e si trova benissimo con il nuovo sistema; un taccuino ufficiale è già stato acquistato (chissà da chi avrò ereditato la passione per la cancelleria 😀 ! ), ma al momento, come consiglio sempre di fare, ha iniziato una versione di prova molto tranquilla e rilassante su un quaderno che aveva già a casa. Una volta che sarà sicura dello stile da usare, passerà al taccuino definitivo.

Se sei anche tu un’irriducibile dell’agenda (o del calendario) per la gestione di scadenze e appuntamenti, magari questa soluzione combinata può essere quella giusta, e potresti utilizzare un bullet  journal per cose come:

-libri da leggere o letti, film da vedere o visti;
-tracker per obiettivi di salute e forma fisica;
-wishlist di cose da comprare o fare;
-registrazione delle spese;
-riepilogo pagamenti vari;
-storico visite mediche;
– punti programmi di fidelizzazionein alternativa alle app;
-qualunque cosa tu voglia tenere d’occhio 😀 !

Buona sperimentazione! 🙂

 

Bullet Journal – set up Aprile 2018 + cat e dog tracker da stampare

Bullet Journal set up di aprile 2018

Primo martedì del mese e quindi è il momento per il set up di aprile del bullet journal.
Forse è stato il set up più accidentato che io abbia mai impostato… sarà stata la giornata no (capita anche a te? Sbagli la data, sbagli le misure, la decorazione proprio non ti riesce come vorresti… 🙁  ), e questo mi ha portato a fare qualche riflessione sul fatto che probabilmente l’impostazione così come la faccio dall’inizio dell’anno (a parte poche modifiche), non funziona più.

Leggi tutto “Bullet Journal – set up Aprile 2018 + cat e dog tracker da stampare”

Bullet Journal – set up Marzo 2018

Bullet Journal set up di marzo 2018

Ho voluto fortemente che questo set up di marzo del bullet journal fosse fiorelloso… per tanti motivi: un po’ per la voglia di primavera, un po’ perché volevo aggiungere del colore alle pagine e per sottolineare anche il momento di cambiamento della stagione con uno stile più colorato.

Poi marzo pensa bene di iniziare con la neve.

Leggi tutto “Bullet Journal – set up Marzo 2018”

come puoi ottimizzare il tempo per creare

Come ottimizzare il tempo per creare

Ottimizzare il tempo per creare è davvero importante, soprattutto se non ne hai tanto.
La sindrome da foglio bianco è nota ad ogni creativo, qualunque sia la forma espressiva – momentaneamente non – in atto. Quando la creatività non è più così spontanea, quando ci sono di mezzo scadenze o commissioni, può diventare frustrante fare qualcosa che in realtà adoriamo fare, soprattutto se incappiamo in una giornata no.

Come rimediare?

Leggi tutto “come puoi ottimizzare il tempo per creare”

Cose che non voglio scrivere nel bullet journal – lista tracking e wishlist formato personal (da stampare)

Post organizer e liste tracking e wishlist da stampare

Ci sono delle cose che non voglio scrivere nel bullet journal, vuoi perché le scriverei troppo male (va bene essere spontanei, ma quando io scrivo in fretta, scrivo davvero male!), o perché non sono cose che mi interessa conservare oltre un certo periodo di tempo.

La prima di queste è il tracking di pacchi e spedizioni.
Durante le ultime feste c’è stato un momento in cui avevo davvero tanti ordini da tracciare, tutti di provenienza diversa (amazon, ordini fatti all’estero, ordini fatti in Italia, ecc), e mi sono ritrovata a fare continuamente copia-incolla fra un sito e l’altro per riportare i codici nei campi ricerca.
Un vero e proprio delirio.

Mi sono decisa quindi a fare un elenco delle info da cercare e utilizzare all’occorrenza, ma sapevo di non volerne fare una collection del bullet journal per i motivi già elencati.

Leggi tutto “Cose che non voglio scrivere nel bullet journal – lista tracking e wishlist formato personal (da stampare)”

Bullet Journal – set up Febbraio 2018

Bullet Journal set up febbraio 2018

Per il primo post del mese non potevo che condividere il set up per questo febbraio 2018, e fare il punto su come mi sono trovata con la nuova struttura  adottata a partire da gennaio e di cui ti ho parlato in questo post.

Le modifche che ho apportato sono poche, 
ho aggiunto un calendario mensile nei future log per sapere in che giorno cadrà un evento futuro quando lo segno

Leggi tutto “Bullet Journal – set up Febbraio 2018”

Regia e incidenti fortunati: il senso dell’organizzazione.

regia e il senso dell'organizzazione

A volte può sembrare troppo impegnativo organizzarsi, prendersi il tempo per la lista della spesa e il menù settimanale, fare il punto per il mese a venire;
la tentazione di lasciar perdere e rimandare, o vivere alla giornata è forte.
Ma poi non paga.

Prima o poi può succedere che una sera torni a casa più tardi del previsto e non hai neanche una vaga idea di quello che hai in frigo o in dispensa, o arrivi perennemente in ritardo al mattino perché ogni volta decidi sul momento cosa indossare e magari ti ritrovi a stirare la maglietta mentre contemporaneamente ti lavi i denti e ti infili le scarpe… e il livello di stress diventa alto.

Leggi tutto “Regia e incidenti fortunati: il senso dell’organizzazione.”

Organizzazione pennarelli (e tabella Stabilo 68 da stampare!)

Post organizzazione pennarelli

In queste prime settimane dell’anno sto lavorando a diverse cose, sto scegliendo su quali progetti concentrarmi, quali cose nuove imparare e quali invece approfondire; insomma, fervono pensieri e attività! 🙂

Una delle attività in questione coinvolge tanti pennarelli colorati e, se la prima cosa che penso davanti a un qualunque nuovo set di qualsiasi cosa colorata e creativa, è –wow!, la seconda è – e ora, come l’ organizzo?

Leggi tutto “Organizzazione pennarelli (e tabella Stabilo 68 da stampare!)”

Bullet Journal 2018 – set up e novità.

Bullet Journal gennaio 2018 set up

Nuovo anno, nuovo inizio, nuovo set up del Bullet Journal!
Ho infatti deciso di riprendere in mano lo stile del mio bujo che, fra una cosa e l’altra, si era perso per strada, e dopo aver fatto un po’ di ricerca, sono arrivata a una sintesi soddisfacente.

Il mio setup per il nuovo anno, e soprattutto per gennaio, è molto semplice e appena più curato del solito per quanto riguarda l’aspetto decorativo;
per me infatti il Bullet Journal deve assolvere funzioni soprattutto organizzative ed essere quindi semplice da impostare.

Leggi tutto “Bullet Journal 2018 – set up e novità.”